Recensione: 9 Giorni di Gilly Macmillan















Recensione: 9 Giorni di Gilly Macmillan, Thriller. Grazie a Newton Compton Editori.
Scopri la mia reazione e presentazione del libro:

Clicca (Qui) per Cover Vs Cover 

9 giorni di Gilly Macmillan

Genere: Thriller
Pagine: 416
Prezzo:  € 12,00 ( Cartaceo )  € 4.99 ( E.Book )
Trama:

Intelligente e brillante

Impossibile indovinare il finale

Un grande thriller


Rachel Jenner è sconvolta e in preda al panico: suo figlio Ben, di soli otto anni, è scomparso, e lei non sa come affrontare questa tragedia. Inoltre, a peggiorare la situazione, ci sono gli obiettivi della stampa e le telecamere delle TV che seguono lo sviluppo del caso e le stanno con il fiato sul collo. È vero, ha commesso una leggerezza: ha perso per un attimo di vista Ben e lui è sparito e ora tutto il Paese pensa che lei sia una madre sprovveduta e vada condannata. Ma cosa è successo veramente in quel tragico pomeriggio? Stretta fra il dramma di aver perso il figlio, le sempre più serrate indagini della polizia e la pubblica gogna dei media, Rachel deve affrontare un’altra agghiacciante realtà: tutto quello che sa di sé e dei suoi cari si rivela una gigantesca bugia. E non c’è più nessuno, nemmeno nella sua famiglia, di cui la donna possa fidarsi. Il tempo stringe e forse il piccolo Ben potrebbe essere ancora salvato, ma l’opinione pubblica ha già deciso. E tu, da che parte starai?

Un successo internazionale

Tradotto in 14 Paesi

Leggere questo libro ti cambierà la vita



«Un thriller di cui è impossibile indovinare il finale, costruito con grande intelligenza. Mi sono trovata a leggere a mille all’ora per scoprire cosa fosse successo.»


«Un debutto straordinario e dall’incredibile presa. Mi ha tenuto sveglia fino a tarda notte (e spaventato a morte).»


«Non avrete pace finché non scoprirete cosa è realmente accaduto.»
Come vi dissi nella pubblicazione "C'è posta per me", mi è stato impossibile recensire questo romanzo in anteprima, in quanto l'ho ricevuto due giorni prima della pubblicazione e volevo fare un lavoro più accurato.
Recensione:

Non mi aspettavo di trovarmi appassionata e travolta dalle mille emozioni. 
9 Giorni di rivelazione, per me.


L'ho scritto nella presentazione del libro, che per me era una sfida leggere un romanzo di questo genere, ma non pensavo di portarla pure al termine. Per la prima volta ho letto fino alla fine un Thriller.

Leggendo la trama ci troviamo di fronte  ad un grande quesito : "E tu da che parte stai?".
Bella domanda!
Ancora non so rispondere bene. 
Al giorno d'oggi veniamo bombardati dai media che trattano casi simili alla scomparsa di Ben, uno dei tanti "la scomparsa di Denise Pipitone". Ecco io in tutto il romanzo ho rivisto questa mamma (Piera Maggio) e il coraggio di non smettere di lottare.

La tecnica narrativa è a dir poco fantastica! Sin dalla prima pagina l'autrice riesce a catturare la vostra attenzione perché concentra il dialogo tra Rachel, la protagonista nonché madre del bambino scomparso, e voi, ponendovi quesiti o riflessioni.
Cercherà pagina dopo pagina  di farvi calare in una vera e propria conversazione, la Macmillan crea, quindi, un legame naturale con il lettore, attraverso  i Pov (Point of Viewpunti di vista) che vengono alternati tra i vari protagonisti e gli avvincenti, se non rivelatori, flash back che improvvisamente vi si presenteranno davanti. 
L'indagine scrupolosa, visibile attraverso i richiami nei ringraziamenti  e non solo, ha arricchito il romanzo differenziandolo dalla massa di Thriller, in commercio. Quello che più mi ha colpito e non sapevo risultasse così scorrevole è stata la capacità dell'autrice di alternare capitoli che riguardano lo svolgimento delle indagini e capitoli che trattano la vicenda ormai conclusa. 
Oltre la madre, Rachel, il protagonista più curioso è senza dubbio  James (Jim) Clemo, il poliziotto incaricato alle indagini, che ci accompagnerà fino all'ultima pagina del libro e nel corso della narrazione scopriremo qualcosa di inaspettato.  La suspense e la voglia di sapere crescono in modo inaspettato  soprattutto quando l'autrice ci presenta i capitoli dedicati a delle sedute di psicanalisi dove traspare un moto di emozioni che va dall'ansia al terrore, dai dubbi ai sospetti che travolgono sia i protagonisti del libro che noi, impavidi lettori.


Perché  "leggere questo libro ti cambierà la vita"? 


Gli elementi fondamentali tengono letteralmente incollato il lettore alle pagine, attraverso una narrazione scorrevole e sempre incalzante e avvincente. Un Romanzo capace di creare terremoto di emozioni e riflessioni. Per la prima volta forse, il lettore riuscirà a calarsi nella parte di chi lotta stringendo i denti, andando contro la frustrazione e l'impotenza, lotterà accanto alla madre fancendo propria la rabbia e l'avidità di un genitore che non smetterà di sperare di tenere il proprio figlio tra le proprie braccia sicure. Per una volta, forse, il lettore si troverà dalla parte della parte lesa, quella del genitore,  e non dall'opinione pubblica.